ArtShaker #52: la Colonna Traiana

Il 12 Maggio dell’anno 113 d.C. veniva inaugurata, al termine di una brillante vittoria dell’esercito romano contro i Daci, la Colonna Traiana. Potremmo immaginare che quel giorno tutta Roma fosse presente a questo evento, per celebrare le imprese gloriose del nuovo imperatore e per ammirare l’immensa colonna di marmo finemente scolpita e arricchita da colori…

ArtShaker #51: Rodolfo II d’Asburgo e la sua collezione d’arte e curiosità

Ciò che conosceva si sentiva in obbligo di avere. Arciduchessa Maria di Stiria L’imperatore Rodolfo II d’Asburgo (Fig. 1) è una figura controversa: è stato definito pazzo e addirittura posseduto dal demonio; fu un uomo malinconico, amante dell’alchimia, poco interessato alla politica estera e un raffinato collezionista. Nella sua Kunst-und-Wunderkammer fu in grado di accorpare…

ArtShaker #50: rileggere Kandinskij

Parziale alt alla produzione, ritorno a una vita semplice all’insegna di una rilettura delle prerogative e della laboriosità per assecondare un divenire temporale (più ostico a chi solitamente cede al vivere veloce), momenti di mancata speranza o addirittura scetticismo nei confronti delle forze disposte in campo contro l’emergenza sanitaria attuale; essi spingono a un ritiro…

ArtShaker #49: il pittore folignate Niccolò di Liberatore, detto l’Alunno

Niccolò Alunno. Probabilmente ancora oggi questo nome rimane sconosciuto ai più, forse anche a qualche curioso che si interessa dell’arte italiana del “Rinascimento”. Eppure, negli ultimi decenni del Quattrocento e nei primissimi anni del Cinquecento, tra le colossali figure di Pietro Perugino e Bernardino Pinturicchio, il nome di Niccolò Alunno risuonava prepotentemente tra la Valle…

ArtShaker #48: Nouveau Réalisme, uno sguardo diverso

Il Nouveau Réalisme è stata una corrente artistica che ha ricevuto il riconoscimento ufficiale con la Declaration constitutive du Nouveau Réalisme redatta il 27 ottobre del 1960 da parte del critico Pierre Restany; con tale documento però non si sanciva tanto la nascita del movimento, avvenuta qualche tempo prima, ma si formalizzava l’individuazione della molteplice…

ArtShaker EXTRA: i virus belli e letali di Luke Jerram

Il nostro mondo è a portata di zoom. Siamo capaci oggi, complici i mezzi tecnologici – e in particolare quelli digitali – di scandagliare gli anfratti più segreti del mondo che ci circonda, possiamo osservarlo, analizzarlo e anche spiarlo. I propositi possono essere molteplici: dalla fame di conoscenza alla semplice curiosità, tutti assumiamo bene o…

ArtShaker #47: incubi e microrganismi secondo Huysmans e Redon

«I disegni a carboncino, poi, s’inoltravano ancora più lontano nel terrore del sogno tormentato dalla congestione. […] talvolta, persino i temi sembravano emersi dall’incubo della scienza, attinti ai tempi preistorici; una flora mostruosa era in pieno rigoglio sulle rocce; […] inauguravano un fantastico del tutto originale, un fantastico nutrito dalla malattia e dal delirio. Infatti,…

ArtShaker #46: Giuseppe Castiglione, un artista italiano alla corte dell’Impero Cinese

Lang Shining [Giuseppe Castiglione, NdA] eccelleva nel ritrarre con verosimiglianza,[questo ritratto] è stato dipinto per menella mia giovinezza; ora vecchio e coi capelli bianchi,entrando in questa stanza non riconosco il mio ritratto. Poesia dell’Imperatore Qianlong, 1782 Giuseppe Castiglione (1688-1766), milanese di nascita, è un pittore che, entrato a far parte della Compagnia del Gesù, dopo…

ArtShaker #45: il Polittico Quaratesi di Gentile da Fabriano, 1425

Identificare gli anni del primo Quattrocento come quelli delle grandi rivoluzioni del Rinascimento fiorentino, con protagonisti i celebri Brunelleschi, Donatello e Masaccio, è per noi oggi automatico, eppure il panorama artistico della città al tempo aveva un aspetto assai più variegato. Assieme agli artisti appena citati, a Firenze operavano personalità di spirito assai diverso che…

ArtShaker #44: le strutture ambientali di Carla Accardi

Dipingere è stata la mia passione, un modo per avere amore dagli altri anche o illudermi, che è lo stesso. Sono atea laica, non ho illusioni ma credo in ciò che faccio. Emblematiche queste parole che nascono dalla penna di Carla Accardi, una delle artiste più rappresentative del secondo dopoguerra italiano. Il suo lavoro, in…