ArtShaker #61: alcune opere sepolcrali di Leonardo Bistolfi

Leonardo Bistolfi è da molti ricordato come “il poeta della morte”, data la sua vasta produzione scultorea in ambito funerario. Le sue opere sono veri poemi in marmo nei quali si ravvisa l’evoluzione nella concezione del trapasso sviluppata dall’artista nel corso degli anni.  Bistolfi nasce a Casale Monferrato (AL) nel 1859; la propensione artistica la…

ArtShaker #34: Enrico Gamba, I funerali di Tiziano, 1855

“Ma perché ogni cosa terrena si rivoglie al suo fine, e la vita nostra è un Sole che tramonta all’occaso per più non rinascere, per lo contagio seguito non potendo Tiziano ritirarsi alla patria, essendo serrati i passi, gli convenne correre la fortuna comune. Onde d’anni novantanove terminò il viaggio della vita ferito di peste…

ArtShaker #28: Carlo Bonatto Minella, Giuditta, 1877

Le tempre più originali e più promettenti, le nature più delicate ed espressive furono falciate a metà giornata. Enrico Thovez In pochi, anzi in pochissimi, fuori dal Piemonte, avranno avuto occasione di imbattersi in Carlo Bonatto Minella: in quanto pittore piemontese dell’Ottocento la sua “fortuna” sarebbe semplice e rapida da delineare, dal momento che si…

ArtShaker #19: Giacomo Grosso, Il supremo convegno, 1895

“Ho voluto fare un quadro, non ho preteso di insegnare nulla.Pensai un giorno ad un uomo, il quale, ancor vivo, imagini [sic] di vedersiradunato attorno alla sua bara quanto di più amò al mondo,le donne, e di vedersele, cogli occhi dell’anima,sorridere, ridere o sghignazzare sul viso.Questo pensiero, senza cercare se esso fosse morale od immorale,ascetico…