Philippe Besson, “Un certo Paul Darrigrand” (Recensione)

Lo si potrebbe definire autoreferenziale, il nostro caro Philippe Besson, eppure dopo il successo insperato di Non mentirmi, l’autore francese ha pubblicato a stretto giro ben altri due romanzi autobiografici, andando a costruire una trilogia che ora in Italia è ferma al secondo volume, Un certo Paul Darrigrand e che speriamo venga completata dall’editore Guanda….

Philippe Besson, “Non mentirmi” (Recensione)

Perché tu non sei come gli altri, perché si vede solo te e neppure te ne rendi conto.Perché tu te ne andrai e noi resteremo. Il presente è un tempo fallace e menzognero se poggia su fragili pilastri di un passato non ancora narrato. Questo, Philippe Besson – l’uomo, prima dell’autore di questo romanzo –…

Albert Camus, “La peste” (Recensione)

L’abitudine alla disperazione è peggiore della disperazione stessa. Ci sono scrittori che grazie alle loro doti affabulatorie riescono a raccontare il presente, altri se la cavano meglio con le vicende del passato; poi ci sono quelli che, pur scrivendo da un tempo di giorno in giorno sempre più distante dal nostro presente, riescono a parlarci…