ArtShaker #34: Enrico Gamba, I funerali di Tiziano, 1855

“Ma perché ogni cosa terrena si rivoglie al suo fine, e la vita nostra è un Sole che tramonta all’occaso per più non rinascere, per lo contagio seguito non potendo Tiziano ritirarsi alla patria, essendo serrati i passi, gli convenne correre la fortuna comune. Onde d’anni novantanove terminò il viaggio della vita ferito di peste…

ArtShaker #19: Giacomo Grosso, Il supremo convegno, 1895

“Ho voluto fare un quadro, non ho preteso di insegnare nulla.Pensai un giorno ad un uomo, il quale, ancor vivo, imagini [sic] di vedersiradunato attorno alla sua bara quanto di più amò al mondo,le donne, e di vedersele, cogli occhi dell’anima,sorridere, ridere o sghignazzare sul viso.Questo pensiero, senza cercare se esso fosse morale od immorale,ascetico…

ArtShaker #14: Andrea Gastaldi, Saffo, 1872

“Un giorno lo storico dell’arte andrà cercandocon cura amorevole tutte le tele del grande artista che abbiamo perduto” Corrado Corradino, 1889 Per lungo tempo la storiografia artistica moderna ha lasciato in ombra la produzione pittorica e plastica praticata nelle accademie durante il XIX secolo. A Torino, tra i tanti artisti condannati a essere relegati in…